"Consorzio Terre Alte - Soc. Coop." Turismo Ambientale – Mobilità Sostenibile – Centri Educazione Ambientale Marche, Toscana e Romagna
 
LABORATORI E UNITA’ DIDATTICHE

           
Propongono attività didattiche interdisciplinari, che possono essere modulate in modo esauriente, nell’arco di una giornata o in diversi momenti, sia in classe che negli ecosoggiorni.
Proposte didattiche formulate sulla concezione del territorio come “laboratorio a cielo aperto”, nel quale analizzare il condensato di significati e forme che si sono intrecciati e stratificati, in funzione dei fenomeni naturali, dell’operato delle diverse civiltà, dei gruppi sociali e dei relativi modi di produzione.
Sono previste visite guidate, escursioni, attività di ricerca e ludico-didattiche che consentono tramite l’acquisizione di svariate tecniche, lo sviluppo delle capacità percettive, la manualità e le conoscenze legate alla storia e alle tradizioni popolari. Attraverso la linea direttrice del Tempo, riportiamo di seguito alcuni tra i vari laboratori proposti dal Laboratorio Terra.

STAR TREK ... IN VIAGGIO TRA LE STELLE
La profondità di un cielo ancora buio non inquinato dalle mille luci della città consente l'emozione di una veglia notturna, accanto al telescopio e sotto una volta realmente “trapuntata di stelle”. Il percorso didattico sull'astronomia propone la lettura del cielo alla scoperta degli antichi miti, lo studio e l'uso dell'astrolabio, l'osservazione del cielo notturno a occhio nudo e con il telescopio, e, inoltre, laboratori sull'uso degli orologi solari.

CARTOGRAFIA E ORIENTAMENTO
Come si usa la bussola? E come si tiene una carta? Riusciremo a ritrovare la strada di casa?... Questo percorso farà conoscere e sviluppare le abilità tecniche necessarie per orientarsi sul territorio, leggere carte e mappe, imparare a muoversi percependo la propria collocazione in relazione allo spazio, acquisendo fiducia nelle proprie capacità.

ECOLOGIA E SOSTENIBILITA’

TUTTI IN SELLA
Scuola guida in mountainbike. Dopo una breve lezione introduttiva sulla storia della bici da montagna, sulle tecniche di guida in salita e in discesa e l’uso del cambio, un’escursione sarà guidata da istruttori nazionali di MTB, su un percorso misto di strade asfaltate, sterrate e vecchie mulattiere, ognuno con la propria bici (fornita dalla struttura), il proprio casco e la voglia di osservare la natura da un nuovo punto di vista.

ECOLOGIA A VOLO D’INSETTO
Tramite un primo approccio teorico, mediante l’uso di diapositive, scatole entomologiche ed escursioni mirate all’attività, gli studenti sapranno riconoscere le principali specie di insetti, le loro caratteristiche morfologiche e le relazioni con l’ambiente che li ospita.
Sarà stimolato l’interesse dei ragazzi favorendo la comprensione di come l’uomo possa influire e alterare gli equilibri naturali, e di conseguenza, di come gli insetti si adattino ai cambiamenti apportati dall’uomo.

LA FORZA DELL'ACQUA
Sin dal periodo prenatale il bambino è in stretto rapporto con l’acqua e quando più tardi si trova a contatto con questo elemento, attraverso il gioco, inizia a sperimentare e scoprirne le proprietà. Diventerà così più facile comprendere quali siano le sue proprietà fisiche e le sue trasformazioni.
I ragazzi saranno stimolati a prendere coscienza del proprio rapporto con l’acqua e delle sensazioni che provano, nonché delle scoperte che spesso fanno in modo autonomo.

FUNGHI ... NON A CASO!
Il progetto consiste in nozioni di micologia con specifici riferimenti alle origini dei funghi epigei ed ipogei spontanei, al loro ruolo, valore biologico e utilizzazione.
Attraverso una lezione propedeutico-pratica e un’escursione mirata all’attività, il laboratorio si propone l'educazione per un pensiero ecologico, in grado di promuovere nel bambino e nel ragazzo il “pensare per relazioni”, coinvolgendo l'intera persona senza limitarsi al messaggio trasmesso dalle parole.

IMPARA L'ARTE
Guarderemo l’ambiente che ci circonda con occhi diversi, cogliendo la percezione delle linee, delle forme, dei colori e delle armonie. Durante le escursioni saranno raccolti gli elementi per realizzare laboratori di disegno, illustrazione, fotografia e stampa a contatto, legati al mondo della natura, con la guida di maestri e illustratori.

IL CANTO DELLA TERRA
Tutto suona e risuona: il vento, l’acqua, il fuoco, la terra. Il vento soffia tra le montagne, si insinua tra gli alberi delle foreste, sibila nelle fessure, fa stormire le foglie. Sussurra e gorgoglia nell’acqua, nelle sue mutevoli vesti: pioggia, mare, torrenti, fiumi, cascate, ghiaccio. Un tempo l’uomo ascoltava, e quando era più vicino alla natura, i suoi sensi erano più sviluppati e l’ascolto era naturale. Così come l’uomo preistorico, i ragazzi saranno guidati ad attingere dall’ambiente naturale e artificiale i molti e disparati materiali sonori esistenti, per trasformarli in strumenti musicali.

LE MACCHINE DEL VENTO
L’aria è ogni respiro che facciamo, ci accorgiamo della sua presenza nel contatto con la pelle del viso e delle braccia quando andiamo in bicicletta o semplicemente, sporgiamo un braccio dal finestrino della macchina in movimento o quando ancora tentiamo invano di leggere un giornale in una giornata ventosa.
Il mistero che avvolge “una cosa che non si vede eppure c’è” sarà il perno fondamentale intorno al quale verranno tessute tutte le esperienze educative e ludiche attivate nel percorso creativo, durante il quale saranno realizzati aquiloni, maniche a vento, mongolfiere, ecc.

OGGETTI RISORTI
Guardando intorno ci accorgiamo che materiali e oggetti destinati a diventare rifiuti, se osservati con rinnovata curiosità, mostrano le loro nuove possibilità d’uso e di metamorfosi. Con ciò i rifiuti diventano risorse, materiali da selezionare, manipolare e reinventare.
Partendo da questi presupposti, nasce l’idea di un laboratorio il cui obiettivo di fondo è stimolare la fantasia e la creatività dei bambini e dei ragazzi, in una prospettiva ecologica e responsabile di riutilizzo dei rifiuti. Il laboratorio vuole promuovere, inoltre, una conoscenza più approfondita dei “contenitori delle merci” ed il loro riuso creativo attraverso il fare ludico.

STORIA DI UN FOGLIO DI CARTA
Questo laboratorio è stato ideato partendo dal presupposto che, in quanto il consumo pro-capite di carta è in costante aumento, incide sull’ambiente con un maggiore abbattimento di alberi, aumentando l’inquinamento, il consumo di acqua e di energia.
Ad una introduzione propedeutica in cui si affronteranno le tematiche legate alla storia della carta (la carta nella vita quotidiana, la carta nei rifiuti, la carta riciclata, ecc.), seguirà la fase operativa. Utilizzando la carta del cestino dei rifiuti, si produrranno fogli di carta riciclata sia grezzi sia colorati, che saranno rilegati in notes, quaderni, diari, ecc.

CULTURA E TRADIZIONI POPOLARI

L'IMPRONTA DELLA TERRA E DEL FUOCO
Sposando la terra con il fuoco si ottiene la terracotta, utilizzata dall’uomo da sempre, sin dall’età Neolitica, per contenere e cuocere i suoi alimenti e per ripararsi dalle intemperie.
Come l’uomo preistorico, i bambini e i ragazzi saranno guidati lungo un percorso di scoperta fatto di continue trasformazioni dell’argilla, grazie all’intervento di manipolazioni, essiccature, cotture e colorazioni.

MASTRO CESTAIO
Solo due generazioni fa, la maggior parte delle persone era in grado di costruirsi delle suppellettili e degli utensili intrecciando i rami di salice, reperibili lungo tutti i corsi d’acqua. Esistevano anche dei veri e propri maestri che riuscivano a sostenersi fabbricando oggetti sofisticati, cesti di varia foggia, sedie, gerle e persino mobiletti.
Il laboratorio mira a recuperare quella che era un’abilità diffusa tra la popolazione e lo si farà assieme agli ultimi mastri cestai, inoltre utilizzando, anche i materiali reperiti durante una breve escursione.

TINTEGIOCHIAMO
Questo percorso-laboratorio si ispira all’antica arte dei tintori che hanno continuato ad utilizzare le vecchie tecniche di colorazione fino ai nostri giorni, partendo da coloranti naturali, come la pianta del guado (Isatis Tintoria) o da numerose altre sostanze chimiche facilmente reperibili in natura.
Il laboratorio si propone di far conoscere, attraverso attività di sperimentazione, le tecniche di produzione delle tinture naturali ed il loro utilizzo nella stampa dei tessuti, inserendole in un contesto storico-ambientale.

UN FILO TRA LE DITA
“Un filo tra le dita” si propone di recuperare un mestiere antico, un tempo presente nelle case, quando in ogni famiglia c’era una bambina che imparava l’arte della tessitura.
Il laboratorio si propone di far conoscere con attività di sperimentazione, i procedimenti per ottenere i vari tipi di filo (lana, canapa, lino), percorrendo con gli stessi metodi di un tempo i passaggi dalla materia grezza al prodotto finito. Il percorso sarà strutturato utilizzando una didattica di tipo sperimentale e interdisciplinare che fornisca strumenti utili al recupero delle proprie radici culturali e sociali.

BUONO COME IL PANE
Studio conoscenza e produzione dell’alimento base di quasi tutte le culture del mondo, dei metodi della panificazione naturale e delle antiche produzioni alimentari. I ragazzi, guidati verso il recupero e la conoscenza della tradizione ancestrale che permetteva la preparazione degli alimenti attraverso l’impiego di prodotti naturali, impasteranno acqua, farina, lievito e con le “mani… in pasta”, produrranno vari tipi di pane, focacce, pizza, piadina, crescia…. Andremo insieme nei luoghi (vecchi mulini e forni), dove ancora oggi sono utilizzati metodi tradizionali.

DOLCE COME IL MIELE
Lo studio del mondo delle api (i codici, i linguaggi, le danze nuziali, l’importanza dell’ape regina, ecc.) e la storia del miele, utilizzato come dolcificante dell’antichità e non solo… Il laboratorio si articolerà in una lezione propedeutica con un apicoltore e un laboratorio pratico in cui i bambini e i ragazzi metteranno ancora le “mani …in pasta” per impastare i dolci alla maniera delle mamme e delle nonne.

ERBE BUONE
Il progetto consiste in una ricerca botanica sul campo, per imparare a riconoscere i vari tipi di erbe e l'ambiente in cui vivono, riscoprirne l'uso nella cucina, nei trattamenti medicamentosi e nella tradizione popolare. Il percorso prevede la costruzione di un erbario, con il materiale raccolto durante una breve escursione.

NELLA VECCHIA FATTORIA
Visiteremo una fattoria tradizionale, ci avvicineremo alla storia dell’agricoltura, scopriremo gli animali da cortile, abitudini ed utilizzo, il lavoro del contadino e l’ economia della fattoria che si sviluppa riprendendo il modello rurale a ciclo chiuso. Scopriremo, inoltre, come si prepara e come viene curato un orto biologico.

IL TARTUFAIO
L’interno della Provincia di Pesaro si connota e si distingue da altre zone per l’abbondante presenza di tartufi e per la ricca tradizione di ricerca, trasformazione e commercializzazione che ne deriva. Alla scoperta di una delle nostre più celebri tradizioni, insieme al tartufaio, alla sua vanghetta ed ai suoi cani, proveremo un’emozionante avventura alla scoperta del territorio.
 

"Consorzio Terre Alte - Soc. Coop."
Turismo Ambientale – Mobilità Sostenibile – Centri Educazione Ambientale Marche, Toscana e Romagna
E- Mail:
cea@labter.com / prenotazioni@lamacina.it
Casella PEC:
certificata@pec.consorzioterrealte.it

Via Pianacce, 1 - Acqualagna (PU) tel. 0721 700226/226 Fax 0721 700226